BE

BE

Brux, creato nucleo speciale di polizia per assistere vittime di violenza domestica e sessuale

Cinque divisioni di polizia di Bruxelles disporranno di un nucleo di assistenza alle vittime di violenza (EVA) per accogliere meglio le vittime di violenza domestica o sessuale. Gli ufficiali ricevono una formazione speciale. Partecipano al progetto: Molenbeek-Saint-Jean (zona di polizia di Bruxelles Ovest), Etterbeek (zona di polizia di Montgomery), Evere (zona di polizia di Bruxelles Nord), Anderlecht (zona di polizia di Midi) e Ixelles (zona di polizia di Bruxelles-Capitale/Ixelles). Un totale di 125.000 euro sarà messo a disposizione per il progetto, dice la sotto segretaria di Stato per le pari opportunità Nawal Ben Hamou, scrive Bruzz.

Il nucleo EVA di Ixelles sarà ospitato nella stazione di polizia di Boondaal, nelle immediate vicinanze del campus dell’ULB perché i dati del  Zorgcentrum na Seksueel Geweld mostrano che gli studenti in particolare sono vittime di violenze sessuali.

L’unità EVA è composta da agenti di polizia appositamente formati per assistere e interrogare le vittime di violenze sessuali nei modi opportuni: “Ascolto buono, attento ed empatico delle storie delle vittime: questa è l’intenzione. La formazione prevede l’apprendimento di queste abilità”, afferma Ben Hamou.

34 ispettori si sono già registrati per seguire il corso di formazione di tre giorni a gennaio, con almeno quattro agenti per zona di polizia. “Un successo”, ha detto il sottosegretario di Stato, che vede in questo interesse una conferma da parte delle zone di polizia ad affrontare seriamente il fenomeno.

Parallelamente alla formazione, c’è anche una sorta di campagna per i servizi generali di accoglienza nelle stazioni di polizia per riconoscere e decostruire i principali stereotipi legati alla violenza domestica e sessuale, prosegue. 

SHARE

Altri articoli