STIB lancia oggi una nuova campagna per chiedere rispetto per il proprio personale, dice Bruzz. L’anno scorso, due membri dello staff al giorno hanno subito aggressioni verbali: “Gli attacchi feroci stanno diventando più comuni e non risparmiano nessuno”, dice Bruzz.

In un video con le testimonianze dei dipendenti STIB, l’autista del tram Gaëlle racconta come viene regolarmente insultata, a volte anche inun tram sovraffollato. Anche David Haelterman, che lavora in uno dei punti vendita dell’azienda di trasporti, riceve insulti ogni settimana.

L’anno scorso la compagnia di trasporti ha contato 657 casi di aggressione verbale e 113 casi di aggressione fisica da parte di viaggiatori nei confronti del personale. Questo è più dei 736 casi nel 2020.

Secondo STIB le cifre effettive potrebbero essere anche più alte, “perché i dipendenti non denunciano tutto, e non certo quelle verbali”.

Oltre ai manifesti nelle stazioni, la campagna include anche una canzone del rapper di Bruxelles Youssef Swatt, che fa ascoltare i veri insulti che lo staff deve fronteggiare quotidianamente.