Stamattina i passeggeri in partenza con Brussels Airlines hanno trovato un’amara sorpresa nello scalo della capitale belga; uno sciopero di 24 ore programmato per avere il massimo impatto durante la stagione delle vacanze.

“I sindacati sono costretti a prendere queste misure insolite per le seguenti ragioni radicate: il mancato rispetto dei contratti collettivi di lavoro, problemi di lunga data riguardo la pianificazione del carico di lavoro e l’equilibrio tra lavoro e vita personale e una crescente mancanza di rispetto per gli sforzi e i sacrifici dei dipendenti”, hanno spiegato nei volantini distribuiti in aeroporto.

“Di conseguenza, i necessari cambiamenti della cultura aziendale sono soffocati, la buona volontà del personale diventa una risorsa strutturale, e le entrate dei dipendenti una fonte di reddito de-facto per pagare le calamità della gestione”.

Lo sciopero è stato annunciato in anticipo e le cancellazioni sono iniziate il giorno prima, con almeno otto voli Brussels Airlines cancellati a partire da lunedì mattina, comprese le destinazioni per Ginevra, Marsiglia, Goteborg, Tel Aviv, Berlino, Lione, Stoccolma e Valencia.