Brexit, il CEO della banca ING mette in guardia: “Se Londra lascia l’Europa, le banche andranno altrove”

L’amministratore delegato di ING ha dichiarato all’agenzia di stampa Bloomberg che la banca olandese dovrà probabilmente ridurre le assunzioni di personale a Londra se la Gran Bretagna si ritirerà dall’Europa.
“Se alcune delle banche più grandi, le banche di mercato lasceranno Londra, noi seguiremo il flusso”, ha detto Ralph Hamers.  ING gestisce le operazioni globali di investimenti bancari e mercati emergenti a Londra, dove ha circa 650 dipendenti.

Cattive notizie

Hamers ha detto che la notizia della dipartita dall’UE della Gran Bretagna sarebbe “una cattiva notizia per l’UE, una cattiva notizia per le imprese”. Una serie di primari istituti di credito hanno già messo in guardia circa il probabile impatto di un Brexit su Londra in quanto centro finanziario. Il mese scorso, l’amministratore delegato della Shell, Ben van Beurden, ha detto che una Brexit danneggerebbe il gigante del petrolio.
“Siamo una società con una forte eredità nel Regno Unito e nel continente”, ha detto al Times Domenica, nel mese di gennaio. “Ci sarebbe una vera e propria rottura tra i due, che interesserebbe la libertà di movimento del personale e del commercio. Ne subiremmo certamente l’effetto”.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli