CRIME

CRIME

Braccialetto anti-alcool per i detenuti, al via la sperimentazione

Un braccialetto elettronico “anti alcool” è stata introdotto nei Paesi Bassi a partire da oggi, per far rispettare i divieti di consumo imposti dai tribunali. Il dispositivo funziona monitorando costantemente la percentuale di alcool nel sudore, permettendo così di rilevare se l’utente ha consumato alcool di recente. A raccontare la vicenda è il portale NOS.

La sperimentazione coinvolgerà un gruppo di 100 pregiudicati condannati a Rotterdam e nell’est del paese, che hanno ricevuto di recente il divieto di consumare alcool, come pena accessoria. Sarebbero circa 500 i divieti imposti in un anno in relazione a reati come violenza domestica e “drink-driving”.

Si stima che le bevande alcoliche incidano tra il 25% e il 50% dei crimini violenti e che il costo sociale, si aggiri sui 3 miliardi di euro l’anno.

I dispositivi erano stati già introdotti con successo negli Stati Uniti e nel Regno Unito, dove il 78% e il 92% dei partecipanti al programma, ha scontato la pena senza violare l’ordine imposto.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli