La polizia e i funzionari del ministero della giustizia stanno sempre più utilizzando riti abbreviati per affrontare in tribunale gli spacciatori di droga in Noord-Brabant, ha detto il Volkskrant Martedì.

Il sistem extragiudiziale, noto come ZSM che sta per zo snel mogelijk, viene di solito utilizzato per reati minori, come il taccheggio e risse, o la violazione delle norme per i fuochi d’artificio di Capodanno. Tuttavia, i funzionari riferiscono che confiscare droghe, denaro e beni è un modo più efficace di trattare l’aumento della criminalità in provincia del carcere perché danneggia gli spacciatori molto più di un lungo processo e di una pena detentiva.

Il pubblico ministero locale, Roy Nanhkoesingh, ha detto al giornale che è stata istituita una squadra speciale per trattare con i coltivatori di marijuana e gli spacciatori della provincia.

‘Nel corso dell’ultimo anno ho spesso detto ai coltivatori che se avessero consegnato le auto sarebbero stati condannati solo a ore di servizi sociali, e se fossero stati d’accordo a risarcire le società elettriche, non sarebbero stati portati in tribunale,’ ha detto Nanhkoesingh. “Secondo la mia esperienza, le persone sono spesso condannate a ore di comunità, anche per possesso di cannabis che eccede di gran lunga il piccolo spaccio” ha dichiarato.

Inoltre, le pene detentive sono viste come uno status symbol da molti nel traffico di droga, dice il giornale.

Henny Sackers, docente di diritto intervistato dal Volkskrant, definisce questo approccio extragiudiziale “rivoluzionario”. Tuttavia, non sono poche le perplessità: secondo il docente, dovrebbero essere i giudici e non gli agenti a stabilire tipo ed entità delle pene.