The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Brabant: nuovi casi di Coronavirus nei visoni. Tracce anche nelle polvere

Nel Brabante settentrionale si sono registrati nuovi casi di coronavirus nei visoni in due allevamenti da pelliccia: uno a Deuren con 1.500 animali e una a De Mortel con 10.000. Stavolta però il virus è stato ritrovato anche nelle particelle di polvere dei fienili in cui sono tenuti gli animali, come conferma il Ministero dell’Agricoltura.

Alla fine di aprile, casi di coronavirus nei visoni si erano verificati in altre due fattorie della zona, e due delle quattro hanno lo stesso proprietario. Adesso, i funzionari stanno controllando tutti gli altri allevamenti vicini. Per sicurezza, un’area di 400 metri da ciascuna delle fattorie coinvolte è stata sigillata. L’indagine sui primi due casi ha dimostrato che il virus provoca infezioni polmonari nel visone ma che presentano pochi altri sintomi; inoltre, il tasso di mortalità è basso. Il visone femmina incinta corre rischi maggiori, ha detto il Ministero.

Polvere

Si pensa che il visone abbia preso il coronavirus dai braccianti agricoli. Tracce del virus sarebbero state riscontrate anche nelle particelle di polvere del fienile in cui sono tenuti i visoni, ma non all’esterno. “Non è chiaro se gli esseri umani possano contrarre il Covid-19 tramite queste particelle”, ha detto il Ministero. ‘”Quindi è importante che i lavoratori agricoli continuino a prendere le precauzioni per la sicurezza personale, come consiglia il consiglio sanitario locale.”

L’indagine ha dimostrato che le prime due infezioni non sono collegate tra loro e che successivamente l’infezione è passata da visone a visone. I Paesi Bassi hanno introdotto un divieto di allevamento di pellicce nel 2013,  con un periodo di transizione di 11 anni, e Noord-Brabant è il centro dell’industria olandese. Nel 2016 i Paesi Bassi avevano circa 160 allevamenti di pellicce che producevano cinque milioni di pellicce all’anno, e il Paese era la terza nazione più grande al mondo per allevamenti di pellicce, dietro la Danimarca e la Cina.

 

 

Cover Pic: Pixabay