Nove ospedali del Brabante lavoreranno insieme per formare più personale sanitario: ciò è necessario perché, tra l’altro, c’è carenza di personale a causa della crisi Covid, dice NOS.

Il piano d’azione è principalmente rivolto alla formazione degli infermieri nei reparti di terapia intensiva e di emergenza, nonché anestesisti e assistenti. A causa della crisi Covid e delle cure riabilitative necessarie, c’è una forte domanda per queste professioni, ma la formazione e il mantenimento del personale sanitario è una sfida importante a causa dell’elevato carico di lavoro.

“Devi fare pratica a sufficienza, ma è difficile se hai una carenza di personale”, spiega Marike Schoneveld di Fonds Ziekenhuisopleidingen (FZO) nella regione del Brabante settentrionale a Omroep Brabant.

L’obiettivo finale di questo piano d’azione è formare il 10% in più di persone e trattenere almeno il 10% in più di operatori sanitari. L’ospedale Amphia, l’ospedale Bravis, Bernhoven, l’ospedale Catharina, Elkerliek, l’ospedale Elisabeth-TweeSteden, l’ospedale Jeroen Bosch, Máxima MC e l’ospedale St. Anna partecipano al piano, che è stato programmato per tre anni, dice NOS.

Gli ospedali si aiuteranno a vicenda e i dipendenti avranno presto l’opportunità di lavorare in più ospedali contemporaneamente. Gli ospedali sperano che la varietà significhi che il personale ha meno probabilità di lasciare.