Pic: Pixabay

La scorsa settimana, l’incendio che ha colpito un appartamento sopra la società di falegnameria e interior design Hoogendoorn sul Beatrixhaven a Werkendam, è costato la vita a tre lavoratori migranti. Uno di questi Aurimas Kleinas di 31anni, lituano, ha lasciato la moglie e tre figli.

“Ha vissuto lì per due settimane”, dice il fratello Ernestas a Omroepwest. “È andato in Olanda perché il suo stipendio in Lituania era troppo basso. Aveva problemi finanziari. ” Aveva intenzione di restare per diversi anni ma le cose sono andate in un altro modo.

La vittima e sua moglie hanno un figlio di 3 anni e due figlie più grandi in Lituania, nella città  di Alsedžiai. Il proprietario della falegnameria dalla quale è scaturito l’incendio ha donato 30mila euro raccolti con il crowdfunding alla famiglia. 

Il fratello segue da vicino la notizia dell’incendio ma al momento nessuno sa cosa lo possa aver causato. Le indagini della polizia, allo stato attuale, mostrano che si è trattato di un incidente mortale. Cosa sia successo esattamente non è noto.