Intel Free Press, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Più si cammina, più punti o buoni regalo arrivano dalla  compagnia di assicurazione sanitaria (aggiuntiva). Oppure: più si guida con prudenza, più economica è l’assicurazione auto.

Secondo NOS, gli olandesi amano le ‘”assicurazione sullo stile di vita”: di solito concepita come un programma sanitario che funziona con una ricompensa finanziaria in cambio di un comportamento sano o sicuro. Per fare ciò, l’assicuratore esamina i dati personali, misurati tramite un’app o un dongle nell’auto.

Non sorprende che questo sistema sia popolare, afferma l’economista Marcel Canoy a NOS: “Molte persone hanno già un’app per la salute e familiarità con la tecnologia; è quindi  logico che gli assicuratori rispondano a queste evoluzioni. Inoltre, la prevenzione sanitaria fa guadagnare”.

L’anno scorso, i fornitori di programmi sullo stile di vita hanno visto raddoppiare il numero dei loro clienti, dice NOS. Menzis offre punti ai “salutisti” mentre ANWB e Risk Provider propongono vantaggi extra per le assicurazioni automobilistiche per chi guida prudente. Secondo loro, il numero di sinistri e incidenti stradali, con queste polizze è diminuito in modo significativo.

Ma non è tutto oro quello che luccica: Consumentenbond, l’associazione di consumatori, si preoccupa per la privacy: “Perché gli assicuratori e altre società a volte raccolgono più dati del necessario”.

Nel caso dei programmi di assicurazione sanitaria, gli assicuratori chiedono anche il girovita e la pressione sanguigna e il programma prevede che più informazioni sanitarie sensibili uno fornisce, più punti si guadagnano.

Non tutte le assicurazioni sono d’accordo: questo sistema

Non tutti gli assicuratori amano il concetto. Ad esempio, CZ afferma che può essere in gioco la solidarietà. “Solidarietà significa che devi anche essere pronto a pagare per gli altri, principio fondamentale dell’assicurazione. “, ha detto un portavoce a NOS.

Inoltre, secondo CZ, gli sconti sullo stile di vita potrebbero portare a un divario maggiore tra i gruppi di popolazione. “Può avere un effetto positivo sullo stile di vita del tuo assicurato, ma alcune persone ne vengono escluse. E se devono affrontare costi più elevati in un modo o nell’altro, ciò può avere effetti sociali non intenzionali”.

L’esperta di comportamento Liza Luesink dell’agenzia per il cambiamento del comportamento Duwtje dice a NOS che l’assicurazione sullo stile di vita può aumentare il divario tra le persone con uno stile di vita sano e malsano, a meno che gli assicuratori non facciano uno sforzo supplementare per raggiungere il secondo gruppo.