Lo chef di Amsterdam Piet Brink è atterrato martedì in Sud Corea per cucinare “bitterballen” in occasione delle Olimpiadi Invernali. Preparerà un totale di circa 22 mila snack fritti olandesi da servire alla Holland Heineken House durante i Giochi. “Lavorerò circa 10 ore ogni giorno” dice al Parool.

Sarà Brink stesso a dirigersi a Pyenchang. Esportare “bitterballen”, o comunque gli ingredienti necessari alla loro preparazione, in Sud Corea sembrerebbe impossibile.

Lo chef avrà a disposizione due giorni dal suo arrivo per sperimentare la propria ricetta con i prodotti locali. Sarà accompagnato da un assistente che parlerà coreano e lo aiuterà nello shopping.

“Spero soprattutto di trovare un buon estratto di lievito che faccia risaltare il brodo” spiega Brink al giornale “ Il resto probabilmente non sarà molto difficile: tuberi, porri e cipolle le posso reperire anche qui.”

Questo non è il primo incarico per Brinks alle Olimpiadi. Ha cucinato “bitterballen” anche in Russia, durante i Giochi Invernali di Sochi 2014. “Fu davvero difficile trovare del pan grattato allora. Ricordo che dovetti comprare crostini da un supermarket per ottenerlo.”