CoverPic: pxhere

I Paesi Bassi potrebbero non essere in grado di raggiungere gli obiettivi di cambiamento climatico senza le biomasse, afferma l’agenzia olandese di valutazione ambientale PBL in un nuovo rapporto. La critica dell’uso delle biomasse nelle centrali elettriche è cresciuta negli ultimi mesi, in particolare riguardo l’importazione di cippato di legno.

Gli oppositori, infatti, sostengono che questo sia tutt’altro che sostenibile e potrebbe essere più inquinante rispetto ai metodi tradizionali di generazione di elettricità.

Tuttavia, senza utilizzare le biomase, i Paesi Bassi dovranno installare turbine eoliche e pannelli solari più rapidamente di quello che stanno facendo attualmente, e dovranno essere fatte altre scelte difficili, ha affermato PBL. Il rapporto PBL, basato su uno studio di 400 rapporti e 150 interviste, sarà utilizzato dal governo come parte di una più ampia ricerca sull’uso delle biomasse per stabilire criteri di sostenibilità che possano contare su un “ampio sostegno tra la popolazione generale”.

Concentrandosi sulle biomasse, “la perdita di biodiversità diverrebbe un rischio reale”, afferma lo studio. “Allo stesso tempo, le biomasse sembrano svolgere un ruolo significativo in un’economia circolare e neutrale dal punto di vista climatico.” La strategia deve comprendere anche la qualità dell’aria e gli effetti sulla salute, nonché garanzie legali sulle importazioni, ha affermato la PBL. Per raggiungere gli obiettivi dell’UE, circa il 14% dell’energia generata nei Paesi Bassi dovrebbe provenire da fonti sostenibili entro la fine di quest’anno. Ma secondo la PBL, la produzione olandese di energia sostenibile non supererà l’11,4% del totale.