Molti esperti prevedevano che la riduzione dei voli avrebbe portato ad un aumento dei prezzi a lungo termine ma nel breve termine non è stato così. Stando alla BNR, il costo dei biglietti aerei per molte destinazioni europee per le vacanze estive è diminuito di circa il 20% rispetto a quanto costavano prima del lockdown.

I voli per Atene sono più economici del 40% e la prenotazione di un posto a sedere per molte destinazioni italiane è costata ai viaggiatori il 30% in meno, stando ai dati di Skyscanner e Travis, la società madre di CheapTickets e Vliegwinkel.nl.

“Stiamo assistendo al calo dei prezzi soprattutto per i mesi di luglio e agosto“, ha detto Steffen Boon di Travix alla BNR. “Ci sono ancora molti posti vuoti sugli aerei ma si sta iniziando a vedere un maggiore interesse da parte dei consumatori”.

“Dall’inizio della scorsa settimana, abbiamo visto un enorme aumento di ricerche rispetto all’anno scorso. Tuttavia, rimaniamo ancora al di sotto della media”, ha spiegato. Anche i voli per la Francia sono scesi del 25%, quelli per la Spagna sono più economici del 16%, ha dichiarato BNR.