Il governo non vuole un taglio separato delle accise sul carburante, ma vuole esaminare “tutte le opzioni”, inclusa la possibilità di incentivi per alcune categorie, dice NOS.

“Stiamo lavorando molto duramente per vedere come rendere il più sopportabile possibile [la situazione] per le persone”, ha affermato la ministra delle Finanze Kaag.

Kaag afferma al programma televisivo WNL op Zondag che il governo è “estremamente preoccupato” per l’inflazione molto alta nei Paesi Bassi e per l’impennata del costo del carburante, dice NOS

Il prezzo al dettaglio suggerito della benzina è attualmente di quasi 2 euro e 35 centesimi.

Ma la ministra Kaag non è favorevole a una riduzione temporanea delle accise sui carburanti: il governo applica l’IVA del 21% su benzina e diesel e non vuole operare tagli in altri settori per compensare la riduzione eventuale del gettito.