The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Below the surface, il tesoro nascosto nei canali di Amsterdam

Dalla preistoria agli anni duemila più di 700.000 oggetti recuperati



Tutto inizia nel 2003 quando un canale è stato dragato per far posto alla costruzione della recente linea metropolitana che collega la parte settentrionale della città allo scambio di Zuid.

Durante i successivi scavi sono stati scoperti circa 700.000 oggetti che coprono i 700 anni di storia della città.

Un progetto finanziato dal Department of Archaeology e dal comune di Amsterdam in cooperazione con il Chief Technology Office ne ha catalogati 20.000 e li ha ordinatamente esposti nel museo virtuale allestito con il nome di Below the surface: alcuni reperti risalgono al III millennnio a.C., i più recenti ad una decina di anni fa sotto le spoglie di un noto cellulare Nokia.

Gli oggetti comprendono decine di chiodi, monete, porcellane, carte di credito, bottoni della marina tedesca, pipe, spade, stralci di libri, ferri di cavallo, arnesi vari di difficile decifrazione: brandelli di vita della città prima della sua stessa fondazione.

“Quando qualcosa è caduta nell’acqua – spiega l’archeologo Gawronski – è stata per lo più sepolta in profondità in una torba morbida mista a sabbia e l’assenza di ossigeno, il freddo e l’oscurità hanno creato le condizioni ideali per preservare il materiale organico”.

A Damrak e Rokin sono stati rinvenuti gli oggetti più costosi, ma la cosa più preziosa è la possibilità per gli archeologi di definire con maggior dettaglio la storia dell’area: dagli insediamenti temporanei alla foce dell’Amstel risalenti al tardo Neolitico e alla prima Età del Bronzo ai tragitti delle navi romane fino alle vicende dell’ultimo tratto interrato nel 1936 prima di ricongiungersi con l’IJ.

Sul sito sono visibili tutti gli oggetti datati e repertati. Si può sfogliare un catalogo interattivo scorrendo a ritroso il corso della storia umana, acquistare Stuff, la versione cartacea a cura di Jerzy Gawronski and Peter Kranendonk, oppure giocare a creare la propria installazione artistica associando oggetti casuali.

 

Da non perdere il documentario Amstel, Spiegel van de Stad di AT5:

 

 






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!