The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

VLUCHTELINGEN/BE

Belgio, visti umanitari rilasciati a figli di combattenti IS. N-VA: una farsa

I visti umanitari servono a fornire ai cittadini stranieri nelle zone di guerra un titolo di viaggio sicuro per entrare in Belgio



Il ministro con delega ad asilo e migrazioni, Maggie De Block (Open Vld) ha concesso due visti umanitari, un documento valido per viaggiare legalmente in Belgio, ai figli di un combattente ISIS belga, attualmente detenuto nelle carceri turche.

Secondo il portale fiammingo De Tijd, Maggie De Block ha detto di aver rilasciato, da quando è in carica al posto del falco Theo Francken, due visti umanitari.

Nonostante la ministra abbia rifiutato di rivelare dettagli sull’identità dei beneficiari, De Tijd rivela che i visti sono stati consegnati all’ambasciata di Ankara per i bambini di un combattente dell’IIS. Il loro ritorno, come quello dei sei figli di altre due donne dell’IS, è stato deciso da un giudice.

I visti umanitari servono a fornire ai cittadini stranieri nelle zone di guerra un titolo di viaggio sicuro per entrare in Belgio.

L’N-VA, il parito nazionalista fiammingo, è furioso: ‘Francken è nella bufera perché ha salvato centinaia di cristiani dall’IS. Ora stiamo accogliendo bambini dell’IS fornendo loro documenti. Che farsa. “






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!