The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Belgio, tensioni in parlamento: giovedì si discute una nuova legge sull’aborto

Giovedì il parlamento belga discuterà un disegno di legge per facilitare la procedura d’aborto. L’attenzione è alta dal momento che alcuni partiti sembrano decisi a non far passere la legge. 

Il tanto atteso voto avrà luogo giovedì pomeriggio tra forti tensioni tra i partiti – e si teme che i liberali fiamminghi e francofoni cedano alle pressioni dell’opposizione.  La legge è fortemente voluta invece dal partito socialista.

“Questa legge è fondamentale per le donne, dobbiamo permettere loro di poter decidere di portare avanti una gravidanza o no” ha detto alla radio la parlamentare del partito socialista Éliane Tillieux, una delle maggiori sostenitrici del disegno di legge.

Il contenuto della proposta

La proposta centrale è quella di estendere di sei settimane l’attuale periodo di aborto, e consentirebbe l’interruzione della gravidanza fino alla diciottesima settimana di gestazione, dall’attuale periodo di 12 settimane.

Inoltre, il disegno riduce il cosiddetto periodo di “riflessione” da 6 giorni a 48 ore. Altra cosa importante, il disegno di legge eliminerebbe l’aborto dal codice penale belga, eliminando definitivamente la possibilità di accuse penali contro un medico per aver eseguito un aborto.

Vogliamo che le donne che apprendono di essere incinte tardi possano fare qualcosa. Invece, oggi, le mandiamo in un paese straniero dove non conoscono la lingua, gli ospedali, e le procedure” ha detto Tillieux.

Il disegno di legge è arrivato dopo aver appreso che tra le 500 e le 1.000 donne in Belgio hanno viaggiato all’estero per un aborto dopo aver superato il limite delle 12 settimane.

Catherine Fonck, deputata del CDH di centrodestra cristiano, si è opposta al disegno di legge. La Fonck ha affermato che i cambiamenti sono andati troppo oltre e che l’estensione del periodo di aborto porta il rischio di un aumento degli aborti di genere. “Il sesso di un feto sarà sicuramente alla base delle richieste di aborto, aveva twittato Fonck lo scorso novembre.

I giochi politici del parlamento belga potrebbero far cadere la legge

In una sessione plenaria, la Camera voterà sul disegno di legge alle 14:30 dopo che il Consiglio di Stato. Con il via libera del Consiglio di Stato siamo pronti ad andare avanti con il voto”, ha affermato Tillieux. Ha anche invitato le coalizioni a prendere una posizione chiara e non arrendersi al “ricatto politico.”

Il disegno di legge ha ricevuto il sostegno di otto partiti, ma Tillieux ricorda come il risultato finale del disegno si gioca tutto sul sostegno dei partiti liberali francofoni e fiamminghi.

La paura della socialista Tillieux è che i liberali approfittino di questa legge per fare giochi politici.  “In precedenza avevano espresso il loro sostegno per un’altra proposta di legge sulla cultura ma alla fine si sono astenuti.

Prima del voto, il leader del partito liberale fiammingo Open Vld, Vincent Van Quickenborne, aveva dichiarato che il disegno di legge rischia di “complicare ulteriormente” i negoziati della coalizione in corso e che il suo partito è pronto a rimandare il voto, riporta Paris Match.

“Oggi vedremo quali partiti sostengono davvero i progressi in termini di emancipazione delle donne. La questione dovrebbe essere “indipendente” da qualsiasi contesa tra partiti. Tutti i partiti che in precedenza hanno dato il loro sostegno al disegno di legge è necessario che ora votino favorevolmente.”

Chi osteggia questo disegno di legge

Il disegno di legge è fermamente osteggiato dal partito nazionalista fiammingo N-VA, dall’estrema destra Vlaams Belang, dal centro-destra, dai partiti cristiani CD&V e CDH, che Tillieux ha accusato di “chiaramente ricattare” altre parti per il loro sostegno in la coalizione parla.

La Tillieux ha esortato ogni deputato liberale a sostenere il disegno di legge. “Se viene bocciato, verrà rimandato di nuovo e, oggi, ci sono donne che hanno bisogno di questa legge”, ha detto.