Il settanta per cento dei belgi comprerebbe un’auto elettrica se costasse quanto una macchina normale. A sostenerlo è uno studio di iVOX sulla mobilità, commissionato da Greenpeace, scrive Knack.

La metà dei belgi che non lavora da casa (49 percento) pensa che il sistema delle auto aziendali possa essere completamente abolito, ritenendolo un meccanismo ingiusto.

Secondo la metà degli intervistati, il sostegno fiscale per le auto aziendali è una delle principali cause del problema di mobilità in Belgio. Il 42% vede questo come una delle cause dell’emergenza ambientale.

Tre quarti dei belgi concordano sul fatto che il trasporto pubblico sarebbe una buona soluzione per decongestionare il traffico, ma secondo il 61 percento non esiste una buona rete per il traffico dei pendolari.

Greenpeace vede nei risultati la “prova che il Belgio è aperto al cambiamento, ma le alternative devono essere accessibili”. L’organizzazione chiede alle autorità federali e regionali di lavorare a un ambizioso patto di mobilità per il 2019.