Un uomo di 33 anni è stato sorpreso a Fosses-la-Ville, vicino a Namur, mentre tentava di ricevere il suo nono vaccino contro il Covid. L’uomo veniva pagato da 100 a 150 euro da un gruppo di novax che lo mandavano ai centri di vaccinazione con le loro carte d’identità per ottenere un Covid Safe (CST) senza aver ricevuto alcuna somministrazione.

La truffa è stata scoperta dal personale allertato in diversi centri di vaccinazione a Charleroi e Namur in Vallonia secondo De Standaard. L’uomo è stato riconosciuto quando è andato a fare due vaccinazioni in poco tempo a Charleroi, e non molto dopo si è presentato di nuovo usando la carta d’identità di un’altra persona.

Ma ad attenderlo questa volta ha trovato gli agenti di polizia, travestiti da steward e pronti ad arrestarlo.

La procura di Namur ha aperto un’indagine per scoprire quante volte e in quali luoghi ha ricevuto il vaccino. Diversi dei suoi “clienti” che hanno ricevuto erroneamente la CST sono già stati identificati, secondo Sudpresse. La procura ha detto che potrebbero rischiare fino a 5 anni di prigione e una multa fino a 800.000 euro per falsificazione e frode informatica.

È improbabile che la salute dell’uomo sia a rischio per le troppe vaccinazioni“, ha detto il virologo Steven van Gucht. “Ma non è detto che sia più protetto contro il virus. Non si può stimolare il sistema immunitario all’infinito”.

Il virologo Marc Van Ranst ha aggiunto che “quanto sia pericoloso quello che ha fatto questa persona, non lo possiamo sapere, anche se la possibilità di complicazioni sembra piuttosto piccola”.