The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Belgio, sabotaggio alla centrale nucleare di Doel 2014: la polizia diffonde identikit del responsabile



Il 5 agosto 2014, si è verificò un tentativo di sabotaggio nella centrale nucleare di Doel 4, una centrale nelle Fiandre, al confine con i Paesi Bassi.  65.000 litri di olio lubrificante hanno attraversato una turbina a vapore nel giro di pochi minuti. L’obiettivo 4 è rimasto inutilizzato per quattro mesi e il danno economico è stato di 100 milioni di euro.

Cinque anni dopo, non ci sono ancora sospetti ma il pubblico ministero federale e il pubblico ministero delle Fiandre orientali hanno rilasciato una foto realizzata con il computer di un sospetto (o di un testimone), scrive VRT Nieuws.

“Il 5 agosto 2014, un supervisor ha individuato un uomo non identificato”, affermano gli inquirenti. L’uomo sarebbe bianco e quel giorno indossava abiti e occhiali scuri. Forse occhiali di sicurezza.

“Di per sé non è anormale che le persone non siano riconosciute, poiché l’area di lavoro è così ampia e lo staff cambia in continuazione. Se qualcuno si riconosce in questa descrizione ma non ha nulla a che fare con i fatti, gli inquirenti vorrebbero saperlo “.

L’autore sarebbe entrato legalmente nel perimetro tecnico, affermano i pubblici ministeri a VRT, è possibile che l’autore abbia agito da solo o che siano state coinvolte diverse persone. La persona che ha aperto la maniglia deve essere un dipendente di Engie (l’operatore, ndr) o un subappaltatore. Qualcuno che ha avuto accesso al zona tecnica. Gli investigatori non escludono inoltre la possibilità che il responsabile abbia ricevuto l’ordine dall’esterno della società.

“L’indagine mostra anche che qualcuno ha iniettato silicone nella serratura di una porta del laboratorio del seminterrato, per poterlo poi riaprire in seguito. Forse questa potrebbe essere stata la via di fuga del colpevole, permettendogli di lasciare il luogo più velocemente.”






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!