Belgio, polemica sindaci: “Grande caos nella comunicazione dei ministri”

I sindaci fiamminghi sono infastiditi dalla comunicazione prematura dei ministri e dei governi regionali sulle misure che non sono state ancora ufficialmente approvate. “Io e i miei colleghi non abbiamo problemi ad assumerci la responsabilità, ma non creiamo il caos che dobbiamo sempre correggere”, ha scritto Christophe De Graef, sindaco di Diest nella provincia del Brabante Fiammingo, in un post di Facebook domenica.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10219688992448241&set=a.10200455620105953&type=3&theate

Da allora diversi altri sindaci hanno parlato di ciò che chiamano comunicazione “prematura” che serve da solo a confondere i cittadini. Ciò che ha spinto De Graef  a scrivere su Facebook è stato l’annuncio dello scorso fine settimana del Ministro fiammingo per l’educazione Ben Weyts nel quale dichiarava che le scuole materne sarebbero potute riaprire dal 2 giugno e che un numero maggiore di alunni sarebbe tonato in classe.

Ma il Consiglio di sicurezza nazionale non ha ancora dato il via libera e molti sindaci affermano di aver ricevuto molte domande al riguardo. “Ogni ministro  vuole comunicare il prima possibile. E’ diventata quasi una gara a chi dici prima la notizia“, ha spiegato De Graef.

“Ma si tratta di possibilità che Consiglio di sicurezza discute, non puoi parlarne fino a quando la decisione non sarà definitiva. In questo modo stanno facendo impazzire tutti”. De Graef ha aggiunto di comprendere che le autorità vogliono comunicare il più rapidamente possibile in merito alle decisioni prese e che tutti sono in attesa di una decisione finale.

“In un momento in cui chiediamo da mesi ai nostri cittadini grandi sacrifici. Quando chiediamo ai consigli di amministrazione, insegnanti, giovani, sport e cultura di prendere decisioni difficili e di farle rispettare, ci si aspetterebbe davvero che sia governo a parlare per tutti, e soprattutto a decidere quando comunicare”, ha detto a VRT Mohamed Ridouani, sindaco di Lovanio. “Se c’è troppa confusione, c’è il rischio di perdere cedibilità per le decisioni”, ha aggiunto.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli