Bart De Wever, leader  del partito indipendentista fiammingo N-VA, ha proposto al partito socialista PS di formare un governo. Per quanto bizzarra la proposta possa apparire, per la distanza politica e culturale tra le due formazioni, De Wever afferma che entrambi i partiti sono ostaggio dall’attuale governo, e dovrebbero, quindi, pensare ad un nuovo progetto insieme. 

Bart De Wever, leader degli indipendentisti fiamminghi del Belgio, dice di non aver cambiato idea da quanto detto a marzo. Il leader N-VA tiene, comunque, a precisare che non ha fretta di formare un governo. Per il momento, ha proposto al partito socialista vallone PS di unirsi nel progetto di un nuovo governo.

Il leader De Wever argomenta così la sua scelta: “Il PS, come l’N-VA, è tenuto in ostaggio dall’attuale governo”.  Il discorso è avvenuto in occasione della presentazione del libro dei giornalisti di VRT Ivan De Vadder e Jan Callebaut Il DNA delle Fiandre.

Il segretario di N-VA ha aggiunto: “Come sappiamo, questa proposta di formare un governo è stata respinta dal PS, dopo aver concordato sui pieni poteri del governo per far fronte alla crisi del coronavirus.”

Un’altra soluzione sarebbe il confederalismo, ma Bart De Wever sa già che non otterrebbe mai la maggioranza dei due terzi.