BE

BE

Belgio, insulti razzisti allo staff JD Sport: arrestata store manager. Rischia un anno di carcere

La manager di un negozio della catena di abbigliamento sportivo JD Sports di Liege, in Belgio, sospettata di incitamento all’odio razziale per alcune frasi pronunciate in un video diventato virale, è stata arrestata venerdi mattina su richiesta del pubblico ministero vallone per essere interrogata sui fatti, scrive il portale De Morgen. La donna rischia fino ad un anno di carcere e una pesante multa.

Davanti agli inquirenti, la ormai ex manager -licenziata dallo store la scorsa settimana, quando i fatti sono diventati noti- ha sostenuto di aver fatto solo una battuta. In realtà, stando alle testimonianze, la pratica utilizzata per scovare eventuali taccheggiatori aveva ben poco di innocente: i membri dello staff sono stati obbligati a disporsi in file sulla base dell’etnia. Gli africani apostrofati come “macachi”.

Dalla pubblicazione del video, sono stati saccheggiati almeno diversi negozi della catena, in Belgio e all’estero.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli