I supermercati belgi si impegnano a donare 223 tonnellate di prodotti alimentari per servire 460.000 pasti ai banchi alimentari del paese. Con la chiusura dei ristoranti e la corsa agli acquisti da panico per il coronavirus, le banche alimentari non hanno più cibo da donare ai più vulnerabili della società, homeless compresi. In tempi normali, supermercati e ristoranti donano ai banchi circa 18.000 tonnellate di cibo all’anno che convertono in 30 milioni di pasti. Generalmente si tratta di prodotti prossimi alla scadenza, ma che possono essere tranquillamente consumati.

Ora che la fase peggiore della corsa agli acquisti da panico sembra essere finita, i supermercati hanno deciso di donare prodotti alimentari e non. “Sono inclusi pasta, latte, patate, carne, farina, olio d’oliva, verdure, bevande, cereali e cioccolato”, ha dichiarato un portavoce di Comeos, la federazione che rappresenta la vendita al dettaglio. “Sono inclusi anche altri beni necessari, come detergenti, shampoo, pannolini e tessuti”. I supermercati che stanno aderendo all’iniziativa sarebbero disposti a ripetere l’azione nei mesi a venire, se necessario.

Dominique Michel, direttore di Comeos, era presente alla prima distribuzione di cibo alle banche del cibo, venerdì. Insieme a lui, il Ministro per la lotta alla povertà Nathalie Muylle (CD&V) e il direttore della federazione belga delle banche del cibo Jozef Mottar. “Oggi il governo federale ha anche donato 225.000€ per l’acquisto di prodotti che ritengono necessari, ma la cui fornitura è limitata”, ha detto il ministro. “È stato inoltre deciso di istituire una piattaforma online per consentire alle banche del cibo di condividere informazioni sulle proprie scorte e carenze. Tre milioni di euro, inoltre, sono stati destinati (alle associazioni umanitarie comunali) per l’acquisto di prodotti e per gli assegni alimentari.”

Nel frattempo, la catena Panos ha donato di sua spontanea iniziativa 1.000 kg di materie prime, promettendo di fornirne altre. La catena ha dovuto chiudere alcuni punti vendita e così ha donato le scorte avanzate di materie prime per il pane e altri prodotti da forno. “In tempi normali, facciamo almeno una donazione al mese”, ha dichiarato l’amministratore delegato Karl Selleslags. “Al momento, vedremo di settimana in settimana come possiamo gestire le nostre scorte nel modo più efficiente possibile, affinché nessun alimento vada sprecato.”

Pic: Pixabay