The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Belgio. Fase 4: cosa cambia dal I luglio

Nel comunicato stampa di mercoledì la premier belga Sophie Wilmès ha annunciato l’avvio della quarta fase di rilassamento delle misure anti-covid a partire dal 1 luglio.

“Prima di entrare nel merito della Fase 4 del nostro piano per uscire dall’emergenza, vorrei fare un passo indietro agli incontri tenutisi a Bruxelles lo scorso weekend. Eravamo tutti sconvolti. Non abbiamo ancora sconfitto il virus: dobbiamo continuare ad essere cauti. Se proteggo me stessa, proteggo anche voi” ha affermato Wilmès.

“Ci sono sempre meno regole, ma devono comunque continuare ad essere seguite. Quindi per favore, pensate alla vostra salute e a quella degli altri. Il virus è ancora in circolazione nel Paese” ha continuato.

Fase 4: 1 luglio

Le 6 regole più importanti che continueranno ad essere in vigore:

  1. Possibilità di contatto ravvicinato con 15 persone (non più solo 10), che potranno variare di settimana in settimana.
  2. Riaperture di piscine, centri benessere, parchi divertimento, casinò e sale da gioco. Anche le sale d’attesa potranno riaprire ma con un limite massimo di 50 persone.
  3. Ripresa, come annunciato precedentemente, delle attività culturali con massimo 200 persone negli spazi chiusi, in conformità con le norme di sicurezza. Per gli eventi all’esterno, limite massimo di 400 persone.
  4. Shopping possibile non solo da soli ma anche con altre persone, senza limiti di tempo. Tuttavia, misure di sicurezza come il mantenimento della distanza sociale devono essere rispettate in ogni momento.
  5. Nessun limite al numero massimo di bancarelle nei mercati, purché la distanza sociale sia mantenuta in ogni momento.
  6. L’utilizzo della mascherina in pubblico rimane fortemente consigliato.

1 agosto

Gli eventi in locali chiusi fino a un massimo di 400 persone, ed eventi all’aperto con un massimo di 800 potranno avere luogo se la situazione sanitaria lo permetterà.

Tuttavia, i locali notturni rimarranno chiusi e gli eventi di massa continueranno ad essere proibiti.  “Anche se la situazione sta tornando alla normalità, il virus è ancora presente,” spiega Wilmès. “L’atmosfera di quest’estate ci permetterà di essere più rilassati, ma dobbiamo rimanere cauti, senza però rinunciare ad apprezzare ciò che adesso possiamo fare nuovamente”, ha aggiunto.