The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Belgio, dalle università via libera all’ hijab in classe

Oltre dieci università e college universitari in Belgio hanno ribadito che non imporranno un divieto del velo in classe, nonostante la Corte costituzionale abbia recentemente dichiarato che tale divieto è consentito nell’istruzione superiore. All’inizio di giugno, la Corte costituzionale del Belgio ha deciso che la possibilità di vietare l’hijab – velo che copre la testa lasciando scoperto il viso – non era contraria alla Costituzione e alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU). Tuttavia, la possibilità di un divieto non si applica solo al velo, ma a tutti i simboli che esprimono opinioni religiose o politiche.

La decisione è stata spinta da una denuncia di un gruppo di donne musulmane che studiava al college universitario Francisco Ferrer di Bruxelles, che pratica il divieto di indossare l’ hijab nella scuola. Il tribunale di Bruxelles, a sua volta, ha deferito il caso alla Corte costituzionale. La sentenza ha visto molti studenti e giovani protestare sui social media con hashtag come #TouchePasAMesEtudes (non toccare i miei studi) e #HijabisFightBack. Un utente di Twitter ha invitato tutte le università e i college a rispondere al tweet dichiarando se accettano o meno persone che indossano il velo. “Ora e non dopo aver ricevuto le quote di iscrizione”, ha aggiunto il tweet. 12 istituti di istruzione superiore hanno risposto al tweet, dicendo che è permesso indossare un velo nelle loro scuole.

L’uguaglianza e l’inclusione sono fondamentali per il VUB. La diversità è un dato di fatto, anche nella nostra università. Quindi sia chiaro che ogni studente è il benvenuto con noi indipendentemente dal genere, origine o stato sociale. Con o senza velo”, ha twittato la Vrije Universiteit Brussel. “Sì, puoi indossare un velo nella nostra università”, ha twittato il KU Leuven. “Come università, offriamo spazio per la diversità religiosa e filosofica e rispettiamo l’uso di simboli o abiti religiosi”, ha aggiunto l’istituzione.