Secondo quanto annunciato mercoledì dalla ministra federale dell’ Economia e dei Consumatori Nathalie Muylle, l’ Ispettorato Economico è stato incaricato di indagare sulle compagnie aeree per verificare se si siano impegnate in pratiche commerciali fuorvianti.

“Chiunque vada in vacanza dovrebbe essere in grado di godersi le proprie ferie senza preoccupazioni, senza sentire alcuni giorni dopo la prenotazione che il proprio volo è stato cancellato. Sto incaricando l’Ispettorato Economico di indagare sulle compagnie che vendono voli e li cancellano alcuni giorni dopo”, ha scritto. La stessa Muylle ha ricevuto e-mail da consumatori insoddisfatti e ha letto molti commenti sui social network scritti da consumatori che si lamentano di tali pratiche, secondo il suo portavoce.

Molte delle denunce riguardavano TUI Fly Belgium, ma l’indagine riguarderà anche altre compagnie aeree. La TUI ha annunciato martedì di aver cancellato un quarto dei suoi voli durante la stagione estiva. Le cancellazioni riguardano un piano di volo che era stato messo in atto a novembre, quando erano cominciate le prenotazioni per l’ alta stagione, prima della crisi del coronavirus.

“Alcune centinaia di migliaia” di clienti sono stati colpiti da queste cancellazioni, secondo un portavoce TUI. Il nuovo coronavirus (Covid-19) ha colpito duramente il settore delle compagnie aeree. All’inizio di questa settimana, Swissport, il fornitore di assistenza a terra principale dell’aeroporto di Bruxelles, è stato dichiarato fallito, appena una settimana prima che l’aeroporto venisse riaperto. Molte compagnie aeree, tra cui Brussels Airlines, hanno anche chiesto aiuti di Stato per affrontare la crisi.