I belgi potranno anche avere l’intenzione di adottare abitudini eco-friendly, ma ci vorrà ancora molto prima che le auto rischino di perdere la loro posizione dominante nei trasporti, ha rivelato lunedì uno studio di AG Insurance e Touring.

Più di due terzi degli intervistati ritiene che i governi (70%) e le imprese (72%) non facciano abbastanza per l’ambiente.

Nonostante il 57% delle persone riconosca che le automobili contribuiscono in maniera determinante all’inquinamento, i belgi si affidano ancora molto alle loro auto per spostarsi. Quasi il 90% delle famiglie ha almeno una macchina e il 30% ne ha almeno due.

Tuttavia, c’è stato un cambiamento notevole, come notato dagli autori dello studio. Circa il 14% delle famiglie afferma di aver acquistato un’auto più ecologica negli ultimi anni e il 34% prevede di acquistare un veicolo meno inquinante nei prossimi tre anni. Tuttavia, il 44% dei partecipanti afferma di essere scoraggiato dai prezzi e il 21% è preoccupato per la limitata autonomia di questi veicoli.

Le biciclette sono viste come la principale alternativa alle automobili e circa un quarto dei belgi intende usarle di più nei prossimi tre anni. Il potenziale di crescita nel trasporto pubblico è più limitato, con accessibilità, puntualità e prezzi citati come svantaggi da quasi i due terzi degli intervistati.

Inoltre, le soluzioni di mobilità condivisa hanno difficoltà a raccogliere il sostegno dei belgi, secondo il sondaggio che è stato condotto a metà gennaio tra 1.514 persone.