Non saranno per il restauro della Barcaccia, la fontana vandalizzata dai tifosi del Feyenoord durante i tafferugli dello scorso 19 febbraio, ma per altre due fontane storiche di Roma, quella delle Api e quella dei giardini di viale Tiziano, i 100000 € donati da cittadini olandesi alla Capitale italiana.

A darne notizia l’agenzia di stampa Dire, che spiega come l’associazione Salviamo la Barcaccia, nata da cittadini e imprese olandesi, e la società di restauro Koninklijke Woudenberg abbiano siglato un accordo con la Sovrintendenza romana. I lavori saranno terminati a novembre 2016 e costituiscono, nelle parole degli stessi attivisti, un “gesto riparatore” dopo quanto successo lo scorso inverno.

L’idea era inizialmente partita con la campagna di crowdfunding Scusa Roma, che raccolse 20000€ per restaurare la Barcaccia, trovandosi però impossibilitata a compiere l’impresa per le troppe scalfitture che la fontana del Bernini aveva subito.

Poi altri soldi sono arrivati da imprenditori olandesi e dalla stessa Koninklijke Woudenberg e l’obiettivo della donazione cambiato. Così a breve partiranno i lavori sulle altre due storiche fontane, appaltati all’azienda (sempre olandese) Steenhouwerij Zederik che, secondo Dire, utilizzerà tecniche di stampa 3D, mentre il montaggio vero e proprio sarà affidato a Koninklijke Woudenberg e ai Beni Culturali.

Una buona notizia, insomma, mentre nei Paesi Bassi si procede con il processo ai sospetti responsabili dei tafferugli di Roma.