Quattro uomini di età compresa tra i 24 e i 50 anni hanno perso la vita domenica in incidenti separati dopo essersi tuffati in mare nonostante la bandiera rossa e le condizioni avverse. È quanto riferito dalla Rescue Brigade Netherlands e riportato dal quotidiano olandese AD.

Un uomo è morto vicino al resort Vijk aan Zee, uno a Zandvoort e due sulla spiaggia di Den Haag. Nella giornata di domenica le bandiere rosse sventolavano in numerose località balneari della costa olandese, da Hoek van Holland a Den Helder a causa delle correnti pericolose.

Ai bagnanti era stato consigliato di non entrare in acqua se non per bagnarsi fino alle ginocchia. Una combinazione di vento avverso e forti correnti ha creato una situazione “molto pericolosa”, secondo quanto riportato da un bagnino.

L’elevato numero di persone in spiaggia ha inoltre impedito un adeguato controllo da parte dei bagnini, ha riferito un portavoce della Rescue Brigade Netherlands.

Stando ai dati riportati da Nu.nl, i bagnini hanno soccorso ben 167 persone, di cui 37 in pericolo di vita.