Complottisti e altri troll del web avrebbero inviato minacce di morte all’agenzia stampa che ha pubblicato la foto della bandiera nazista che sventolava sull’autostrada A1, dice NOS.

Il fotografo sarebbe stato minacciato E alcuni utenti anonimi hanno sollevato il dubbio che non fosse stato proprio lui a mettere la bandiera e poi a fotografarla.

Secondo alcuni, sarebbe strana la circostanza che il fotografo sia riuscito in pochissimo tempo ad intervenire sul posto prima che le forze dell’ordine venissero avvertite. Roland Heitnik, di Persbureau Heitnik, afferma che il fotografo che ha scattato l’immagine aveva impostato un settaggio sbagliato sulla macchinetta e per questa ragione la data che risulta della foto è antecedente all’intervento della polizia.

Lungo l’autostrada era in corso un incendio e il fotografo avrebbe ricevuto una segnalazione da una sua fonte che c’era quella bandiera appesa; per questo motivo sarebbe stato così veloce, spiega l’agenzia stampa.

Inoltre, l’agenzia sostiene di non aver mai detto che la colpa è dei boeren: nella mail inviata ai media afferma il contrario, ossia di non avere alcuna certezza su chi possa aver compiuto quel gesto.