Il governo uscente non avrà un enorme surplus di spesa come inizialmente ventilato: a sostenerlo è il portale NOS che cita dichiarazioni di DNB, la Banca d’Olanda. Non sarà quindi come inizialmente sostenuto dal ministro uscente delle finanze, Jeroen Dijsselbloem che alla presentazione della manovra finanziaria, lo scorso mese di aprile, aveva previsto un surplus di 3,6 miliardi di euro.

Si tratterà, alla fine, di circa 1,4 miliardi anche se, dice ancora il rapporto della banca, il governo potrebbe giovare nei prossimi anni dall’attuale congiuntura favorevole. Il disavanzo per il 2021 è stato previsto a 10,7 miliardi di euro, pari all’1,3% del PIL, in linea con le previsioni precedenti.

L’eccedenza deriva da maggiori entrate fiscali (+8 miliardi di euro) e meno spesa per i sussidi di disoccupazione. Anche i consumatori stanno spendendo di più e ciò significa che hanno pagato più IVA, afferma il ministro. Dijsselbloem ha già detto in aprile che il prossimo governo non dovrebbe contare su troppi soldi extra da spendere e che “dovranno essere fatte delle scelte”.

Il presidente della banca centrale, Klaas Knot, ha anche avvertito i partiti coinvolti nel negoziati di  lasciare intatta l’eccedenza per assicurarsi che le finanze del governo siano sostenibili a lungo termine.

La disoccupazione è scesa al 4,9% quest’anno, ben al di sotto della previsione del 6,2% dello scorso anno a settembre