I bambini dei gruppi 7 e 8 della scuola primaria, quindi piccoli di circa 10, 11 e 12 anni, condividono foto di coetanee e coetanei, nude e nudi. La conclusione è del DUO, istituto di ricerca sull’educazione e di KRO-NCRV Pointer.

L’inquietante conclusione è emersa da interviste con i dipendenti delle scuole primarie e secondarie.

I ricercatori hanno chiesto a circa 400 insegnanti nei gruppi 7 e 8 le loro esperienze con “online shaming” e qasi un centinaio di loro ha dovuto affrontare questo problema nella propria scuola negli ultimi anni, quindi quasi un quarto dei partecipanti.

Alcuni bambini si filmano e condividono le loro immagini online online, mentre altri filmano di nascosto loro coetanei mentre facevano la doccia durante un campo scolastico.

Stando ai rispondenti all’inchiesta, il fenomeno avrebbe subito un’impennata negli ultimi tempi e gli insegnanti dicono di non essere preparati su come affrontare questo problema.

L’indagine è stata condotta a novembre tra 410 gruppi di 7 e 8 insegnanti e 279 coordinatori e team leader dell’assistenza della scuola secondaria.

I ricercatori hanno, tuttavia, sottolineato che il gruppo è rappresentativo ma potrebbero aver risposto all’indagine soprattutto dipendenti che hanno avuto esperienza con alunni che condividevano immagini, quindi con un campione sovra rappresentato.