Più di 500 aziende olandesi che impiegano 50 o più persone, hanno delocalizzato una o più delle loro attività al di fuori del paese tra il 2014 e il 2016, con conseguente spostamento di 30.000 posti di lavoro, l’ufficio nazionale di statistiche CBS ha detto giovedì.

Le società con un partner commerciale non olandese hanno più probabilità di delocalizzarsi fuori dei Paesi Bassi, ha detto la CBS. Oltre 250 aziende hanno trasferito funzioni amministrative e di gestione all’estero. E circa 220 aziende hanno spostato le attività principali, la produzione o la consegna in nuove sedi lontane dai Paesi Bassi.

Questi includevano non solo lavori di fabbrica ma anche quelli di progettazione e manutenzione. Altri 5.700 posti di lavoro sono andati persi nei servizi e nel mondo  IT. Il motivo principale che accompagna la decisione di delocalizzare è il costo della manodopera.

Quasi il 70% dei posti di lavoro sono stati trasferiti in altri paesi dell’UE e il 20% è stato trasferito in India. Allo stesso tempo, 100 società hanno trasferito alcune attività nei Paesi Bassi. Di queste attività il 60% era in produzione e oltre il 23% in funzioni amministrative e gestionali, ha aggiunto CBS.