Sempre più aziende stanno dando al proprio personale un’indennità extra quest’anno per superare il periodo di alta inflazione, dice NOS. Gli importi variano da 150 o 300 fino a, talvolta, ben 2000 euro, dice NOS. Ad esempio, la catena Action darà ai dipendenti 350 euro il mese prossimo e il personale di NS riceverà 1000 euro in due tranche.

Più di un terzo dei contratti collettivi di lavoro conclusi quest’anno contengono accordi su pagamenti una tantum. In altri anni questa prassi ha rigurardato una media di un quarto delle aziende, secondo i dati dell’organizzazione dei datori di lavoro AWVN.

Inoltre, diverse aziende concedono un aumento salariale al di fuori del contratto collettivo di lavoro, come Rabobank. La banca ha trasferito 500 euro in più ai dipendenti questo mese e ha inviato un’e-mail per informare i dipendenti dell’aiuto finanziario con “consigli pratici e supporto psicologico”.

Secondo l’organizzazione dei datori di lavoro AWVN, è logico che i benefici siano una tantum anche se, per alcuni esperti, non sara’ automatico giustificare il ritorno alla normalita’, il prossimo anno: “Come datore di lavoro, non sai per quanto tempo l’inflazione rimarrà così alta. Se il bonus diventa strutturale, sei nei guai”, afferma un portavoce. “I tempi sono troppo incerti per prendere decisioni simili”.

Il sindacato FNV sostiene un aumento strutturale dei salari. “Ogni centesimo aiuta le persone a sbarcare il lunario, ovviamente, ma vogliamo che i salari almeno tengano il passo con i prezzi”, ha detto un portavoce.

Oltre all’indennità una tantum, i datori di lavoro pagano anche uno stipendio mensile più alto a causa dell’aumento dei prezzi: questo aumento salariale, tuttavia, è molto indietro rispetto all’inflazione. Nel mese di ottobre è stato concordato un aumento medio del 4,2 per cento nei contratti collettivi di lavoro. Sebbene questa sia una percentuale sorprendentemente alta, l’inflazione è salita al 14,5 per cento a settembre.

KPN modula il bonus in base ai salari: chi guadagna poco, riceve 350euro mentre i salari alti, ricevono 150euro.