NL

NL

Autorità europee: epidemia di influenza aviaria “la più devastante” di sempre. 6 milioni di animali abbattuti in Olanda

L’epidemia di influenza aviaria attualmente in corso è la peggiore nella storia europea, dicono le autorità sanitarie UE. In un anno sono stati uccisi circa 50 milioni di uccelli provenienti da allevamenti infetti, rendendola l’epidemia “più devastante” di sempre.

Quel numero non include gli animali uccisi per precauzione ma solo quelli effettivamente positivi al virus.

Tra ottobre 2021 e settembre 2022, 37 paesi europei, compresi i Paesi Bassi, sono stati colpiti dall’influenza aviaria. Più di 2500 focolai sono stati rilevati negli allevamenti di pollame dicono l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Inoltre, sono stati segnalati circa 230 focolai in uccelli in cattività e quasi 3.900 in uccelli selvatici. Per la prima volta non ci sono state più ondate di infezione in un anno, ma l’epidemia è continuata perché il virus non poteva essere tenuto sotto controllo nemmeno in estate. Da settembre a inizio dicembre sono già stati contati almeno 400 nuovi casi in diciotto Paesi diversi.

L’influenza aviaria è una malattia virale altamente contagiosa alla quale sono probabilmente sensibili tutte le specie di uccelli. Il rischio per gli esseri umani di contrarre l’infezione è piuttosto basso.

Nei Paesi Bassi sono già stati uccisi circa 6 milioni di animali

SHARE

Altri articoli