I partiti di opposizione PvdA, SP, PVV e GroenLinks vogliono che il governo faccia proposte concrete per proteggere il potete d’acquisto degli olandesi che le cifre attuali mostrano in calo.

Ma il primo ministro Rutte, dice NOS, non è d’accordo. Secondo lui, il patto di coalizione afferma che il governo vuole un’immagine “equilibrata e positiva” del potere d’acquisto ma le cifre offerte da studi di CPB e Nibud mostrano che l’inflazione lo sta erodendo.

Rutte vuole provare in primavera a migliorare il potere d’acquisto in calo, ma non vuole prendere impegni ora: quindi, no all’abolizione del previsto disaccoppiamento tra salario minimo e pensione statale. “Non ho intenzione di promettere quel disallineamento”, ha detto Rutte alla Kamer.

I partiti di opposizione hanno reagito con rabbia e delusione, dice NOS. Ma il premier è inamovibile: nessuna garanzia. Lo strumento migliore per incrementare il potere d’acquisto va valutato con attenzione.