Secondo la ricerca condotta dall’istituto demografico olandese (NIDI), gli ultra sessantenni affrontano con difficoltà il fatto di dover lavorare più anni per il riconoscimento della pensione statale. (oppure per andare in pensione)

La ricerca mostra che tra i dipendenti più anziani, 7 su 10 hanno almeno una malattia a lungo termine o un handicap che li ostacola nel lavoro. La maggior parte degli intervistati con basso profilo scolastico ha dichiarato che il proprio lavoro è fisicamente pesante, mentre i più istruiti (o i più scolarizzati) hanno detto che il loro lavoro è stressante. Molti di loro sono arrabbiati per l’innalzamento dell’età pensionabile, riporta l’emittente televisiva NOS.

Decisione
La decisione di aumentare l’età pensionabile a 67 anni è stata presa nel 2012 e avrà un impatto importante sui nati nel o dopo il 1950, dice NOS. L’età per andare in pensione è attualmente di 65 anni e 5 mesi.

Il  ricercatore della NIDI, KèNE Henkens, ha detto all’emittente che la differenza con il passato è grande. “Per decenni si è andato in pensione a circa 60 anni di età. Lo slittamento a 65 o 70 è un passo enorme, soprattutto per le persone che hanno iniziato a lavorare in giovane età. Quello a cui stanno andando incontro è assolutamente ingiusto.”

Rabbia
I più adirati per il nuovo accordo sono i meno scolarizzati che nella maggior parte dei casi lavorano da quando avevano 15 anni, dichiara Henkens. Manifestano la loro rabbia riducendo le ore di lavoro all’osso, non frequentando più corsi di aggiornamento e non investendo più nella parte sociale del loro lavoro. “Questa decisione ha avuto effetti sul loro lato motivazionale” dice Henkens.

Un insegnante intervistato ha detto: “Si lavora per 40 anni pensando che ci si possa fermare quando si raggiungono i 62 e poi ti aggiungono altri quattro anni “come se nulla fosse”. Questo è frustrante, e non è un bene, per gli studenti delle scuole elementari, avere maestri della stessa età dei propri nonni”

Pensione part-time

Una soluzione potrebbe essere quella delle pensioni part-time, dichiara il NOS. La maggior parte degli intervistati dai ricercatori NIDI ha smesso di lavorare a una media di 63,4 anni, ma questo abbia gravato troppo sull’importo delle loro pensioni. Ogni anno di pensione anticipata, infatti, significa una riduzione di circa l’8% sulla pensione stessa.

Con una pensione part-time avrebbero lavorato meno ore sacrificando solo un piccolo importo. Questo è già possibile per molti anziani ma il datore di lavoro deve dare il consenso.

L’associazione ANBO a sostegno dei pensionati, tuttavia, ha richiesto alla NIDI i risultati dell’indagine “La nostra ricerca rivela che a molti anziani piace lavorare”, ha detto un portavoce Nos. L’ANBO dice che il 40% delle persone che raggiungono l’età pensionabile sono interessate a lavorare part-time sacrificando una parte della loro pensione. ‘Ciò che è importante è che la gente può smettere prima. L’opportunità di poter avere questa opzione è fondamentale”, ha detto il portavoce.