Il sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb, terrà colloqui con i rappresentanti degli studenti per discutere del picco locale nei casi di coronavirus. Nel fine settimana sono state segnalate 72 nuove infezioni nella regione di Rotterdam-Rijnmond, che rappresentano oltre un quarto del totale. Le persone tra 18 e 25 anni hanno maggiori probabilità di essere infette rispetto a qualsiasi altra fascia d’età.

Aboutaleb ha affermato che la settimana introduttiva per le persone che si iscriveranno all’Università Erasmus e ad altre istituzioni questo autunno potrebbe saltare a meno che i rappresentanti degli studenti non abbiano irrigidito le regole sul distanziamento sociale e altre misure di sicurezza ai partecipanti.  “Domani chiamerò i presidenti di tutte le associazioni studentesche per chiarire quali sono le regole e avvertirle che se questo è il loro atteggiamento, stanno mettendo a repentaglio la settimana di Eureka.”

Il consiglio sanitario regionale ha dichiarato di essere preoccupato per il gran numero di infezioni negli studenti perché avevano reti di conoscenze più ampie ed erano meno propensi a entrare in quarantena se fossero risultati positivi. Chiunque abbia trascorso più di 15 minuti a stretto contatto con una persona infetta è tenuto ad autoisolarsi, ma rintracciare i contatti stretti degli studenti può essere problematico a causa delle loro connessioni sociali ad ampio raggio come coinquilini, compagni di classe e altri membri di società sportive e altre società.

Un portavoce di GGD Rotterdam-Rijnmond ha dichiarato: “È difficile motivare gli studenti a rimanere a casa. Lo faranno dopo un test positivo, ma se non sviluppano sintomi alcuni di loro non vedono il vantaggio e pensano che sia una sciocchezza. Inoltre non hanno l’abitudine di mettersi in contatto con noi se hanno sintomi lievi. Quello che gli studenti devono capire è che tutti devono fare la propria parte. Non possiamo avere un gruppo fedele alle regole e altri no. “