The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Crimini tradizionali in calo nei Paesi Bassi, ma aumentano le frodi online

Meno persone nei Paesi Bassi affermano di essere state vittime di crimini come furti e vandalismo. In compenso, però, c’è stato un aumento marginale della criminalità informatica, secondo i nuovi dati dell’agenzia nazionale di statistica CBS. Lo scorso anno il 14% della popolazione di età superiore a 14 anni ha detto di aver subito una qualche forma di crimine ‘tradizionale’ rispetto a quasi il 20% nel 2012. Il calo più forte è stato nel numero delle vittime di furto. Dal 13% nel 2012 al 9% lo scorso anno. Solo il 2% ha detto di aver subito crimini violenti nel 2019, rispetto al 2,6% nel 2012.

Le cifre sostengono le statistiche prodotte dalla polizia negli ultimi anni, che mostrano una costante diminuzione del tasso di criminalità. Esse sono state messe in discussione in alcuni ambienti. Dati ufficiali della polizia dimostrano che il numero di crimini segnalati alla polizia è aumentato del 4% l’anno scorso. Il primo aumento registrato in 9 anni. Il numero di denunce di furti con scasso e borseggi è diminuito. Al contrario, il numero di denunce di frode online è aumentato notevolmente, in particolare le frodi bancarie, mostrano i nuovi dati della polizia. Il motivo dell’aumento generale potrebbe essere dovuto a “un aumento del tasso di criminalità, cambiamenti nel modo in cui i crimini sono registrati, un aumento del numero di rapporti basati su internet o l’aumento di frodi legate al crimine” hanno dichiarato le autorità.

Altri dati diffusi dalla CBS lunedì mostrano che la gente si sente più sicura sia nelle proprie case che nelle strade. L’anno scorso, il 36 % degli intervistati ha dichiarato di sentirsi a rischio in aree con un gran numero di giovani in giro, rispetto al 44 % di sette anni fa. È più probabile che i giovani si sentano più insicuri degli anziani. Inoltre, più della metà delle donne intervistate si sente più insicura rispetto al 26% degli uomini.

Source: Pixabay