The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Aumento casi Covid in Belgio; Esperto sanità olandese mette in guardia

L’esperto di sanità olandese Ernst Kuipers domenica ha messo in guardia i cittadini, avvertendo dell’aumento del numero di casi di covid-19 in Belgio. Sebbene sia ottimista sulla situazione nei Paesi Bassi, Kuipers ha osservato che se la popolazione ignora i consigli intesi a prevenire una seconda ondata di casi Covid-19, la situazione nel Paese potrebbe peggiorare.

“I focolai locali, nonché l’aumento del numero di infezioni con i nostri vicini a sud, sottolineano l’importanza della vigilanza e dei test a bassa soglia”, ha affermato Kuipers, presidente della rete di terapia intensiva nei Paesi Bassi.

La scorsa settimana, i funzionari belgi hanno confermato 800 nuovi contagi, con un aumento dei casi del 32% rispetto alla settimana precedente. “Con gli ultimi numeri e i recenti aumenti dei casi confermati, si può chiaramente vedere che siamo all’inizio di una seconda ondata”, ha detto il principale virologo belga, Marc van Ranst, in una trasmissione radiofonica belga.

Nei Paesi Bassi, il numero di pazienti che hanno contratto il coronavirus e che sono stati ricoverati è rimasto stabile e basso durante la giornata di domenica, sebbene il totale sia leggermente aumentato per il secondo giorno consecutivo. C’erano 93 persone con il coronavirus negli ospedali olandesi – con un aumento di casi Covid di due persone, rispetto a sabato. Il totale comprendeva 17 pazienti in terapia intensiva e 76 pazienti in altri reparti ospedalieri. Entrambi i totali sono aumentati di uno rispetto al giorno precedente, ha affermato l’ufficio di coordinamento dei pazienti LCPS. “Il numero di pazienti Covid in ospedale rimane limitato”, ha affermato Kuipers. Venerdì scorso, gli ospedali dei Paesi Bassi hanno avuto in totale 88 pazienti con il coronavirus. È stato il totale più basso registrato dalla prima settimana di marzo.