Gli ispettori scolastici hanno ricevuto 112 denunce che riguardano abusi sessuali nelle scuole olandesi nell’anno accademico 2014/2015, un forte aumento rispetto agli 86 casi dell’anno precedente.

Un caso su tre vede protagonisti insegnanti o altri individui che ricoprono un ruolo di responsabilità nella scuola, hanno affermato sempre gli ispettori. Per metà dei casi si tratta di molestie sessuali, in altri addirittura di stupro. Inoltre, gli ispettori hanno ricevuto 254 segnalazioni di intimidazione sessuale a scuola, la maggior parte attraverso social media

Gli ispettori sostengono che la crescita delle violenze sessuali sia preoccupante e hanno invitato le scuole a introdurre appropriati codici di condotta per gli insegnanti e i ragazzi.

Anche i deputati hanno esortato il ministro dell’istruzione a intervenire: “Questi dati sono sconvolgenti” ha affermato la deputata del partito laburista Loes Ypma. “Come genitore uno dovrebbe sentirsi sicuro di lasciare il proprio figlio a scuola. Gli insegnanti hanno un ruolo delicato, di responsabilità è l’abuso è inaccettabile”.

Rischio licenziamento
“Il personale docente che abusa dei ragazzi dovrebbe essere punito con severità”,  ha detto la parlamentare del partito VVD Karin Straus, una volta interpellata.

Il deputato del partito D66  Paul van Meenen, che è un ex dirigente scolastico, ha affermato che gli insegnanti che abusano dei ragazzi dovrebbero essere licenziati. Ha anche detto che tutti gli insegnanti dovrebbero avere i certificati di buona condotta (VOG) che dovrebbero essere rinnovati quasi ogni anno.

In totale gli ispettori hanno ricevuto 2.000 segnalazioni di abusi fisici, mentali e sessuali nelle scuole.  Si è registrato anche un leggero aumento delle discriminazione razziale.