Compassione e vicinanza, sono i sentimenti espressi dai poliziotti olandesi per il collega francese Arnaud Beltrame. L’ufficiale è morto lo scorso venerdì per salvare la vita di una cassiera in ostaggio durante l’attentato avvenuto a Trèbes.

Vicinanza e cordoglio per la famiglia del collega francese” ha twittato il Capo della Polizia Nazionale Erik Akerboom.

“Arnaud Beltrame, eroe di Trèbes. Non dimentichiamoci mai del suo nome “ recita un post diventato virale, pubblicato da tre ufficiali del distretto centrale dei Paesi Bassi.

L’autore dell’attentato Redouane Lakdim, ha ucciso tre persone e ne ha ferite altre sedici. È accaduto nel Sud della Francia, lo scorso venerdì. L’uomo ha dirottato un’auto a Carcassonne, uccidendone il passeggero e ferendo gravemente l’autista. Successivamente ha aperto il fuoco su quattro poliziotti capitati sul suo percorso. Intorno alle 10.30 è poi entrato nel supermercato Super U di Trèbes cominciando a sparare. Un macellaio e un cliente sono morti sul colpo, altre dodici persone sono rimaste ferite.

Lakdim ha preso una cassiera in ostaggio, l’agente Beltrame si è offerto di pendere il posto della donna. Il terrorista gli ha quindi sparato quattro colpi e lo ha pugnalato. L’ufficiale quarantacinquenne è morto successivamente in ospedale. La polizia francese è riuscita a fermare e uccidere l’attentatore. L’ISIS ha poi rivendicato l’attacco.

Il gesto eroico dell’ufficiale ha scatenato una risposta da parte dei colleghi olandesi. “Il coraggio di Beltrame è da pelle d’oca”, dice Julian Steenbeek uno dei poliziotti sostenitori dell’iniziativa Thin Line Bracelets nei Paesi Bassi. “Provate a immaginare di salutare la famiglia per andare a lavorare e poi non fare più ritorno. È terribile”.

“Quanto dev’essere grande la devozione per il tuo ruolo di poliziotto se decidi di sacrificare la vita per un ostaggio?” dice una squadra di Rotterdam.

“Dove gli altri si tirano indietro, noi facciamo il contrario. I nostri pensieri sono tutti rivolti alla famiglia e ai colleghi di Arnaud” ha detto Ronald Mul della comunità di Rotterdam Suidplein.

“Gli agenti di polizia devono stare in prima fila” racconta al giornale AD, Henk van Essen, capo della polizia di Rotterdam. “La sicurezza personale e quella degli altri deve essere fondamentale. Ciò che è accaduto in Francia venerdì mostra il coraggio della polizia che non si può insegnare nei protocolli, è un atto che merita un grandissimo rispetto”.

Mercoledì in Francia sarà lutto nazionale per l’ufficiale Beltrame. Molti degli agenti olandesi renderanno omaggio al collega.