The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Associazioni al ministro: diritto alla pillola abortiva garantito anche con le restrizioni



Foto di Julia Fiedler da Pixabay

L’organizzazione per il diritto all’aborto Woman on Waves e l’agenzia per il sostegno delle donne Bureau Clara Wichmann, stanno facendo pressioni sul ministro della sanità Hugo de Jonge, in merito all’accessibilità della pillola abortiva durante l’emergenza Coronavirus.

Le donne che decidono di procedere con l’interruzione di una gravidanza precoce, sono obbligate per legge a recarsi in una clinica abortiva, prima di poter ricevere il farmaco.

Le attuali restrizioni implementate per limitare il contagio da Coronavirus, stanno rendendo impossibile attenersi a questa norma. E’ il caso di due donne olandesi, attualmente in isolamento. Entrambe desiderano porre fine alle rispettive gravidanze utilizzando la pillola, ma stanno incontrando molte difficoltà.

Le due organizzazioni chiedono che la pillola sia disponibile al di fuori delle cliniche: per esempio, attraverso i medici di base. Rebecca Gomperts, medico e direttore di Woman on Waves, ritiene che un’azione da parte del ministero della sanità sia urgente e necessaria.

Secondo la Gomperts, le donne che si trovano a fare i conti con una gravidanza indesiderata sono costrette a correre rischi inutili per recarsi in una clinica abortiva. Allo stesso tempo, i medici non possono prescrivere il farmaco basandosi su un consulto telefonico: rischierebbero, infatti, di essere perseguiti legalmente.

Se il ministero non cederà alle richieste, garantendo l’accesso al farmaco, le associazioni porteranno il caso in tribunale.

Stando alle parole di Lisa-Marie Komp, avvocato delle due associazioni, l’attuale situazione va contro il diritto di autodeterminazione delle due donne interessate. il divieto di trattare l’interruzione di gravidanza al di fuori di cliniche specializzate, infatti,priva le donne di cure mediche alle quali hanno pieno diritto.

A chiedere risposte al ministero della sanità, anche la deputata di PvdA, Lilianne Ploumen.
La rappresentante del partito laburista olandese, infatti, ha redatto una serie di domande rivolte proprio al ministro De Jonge, in cui indaga le intenzioni del ministero rispetto al problema dell’aborto.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!