ZORG

ZORG

Assicurazione sanitaria, tagli al budget sui trattamenti costosi. Rischio cecità per chi è affetto da malattie alla retina

Le persone che hanno disturbi alla vista potrebbero diventare cieche a causa dei tagli effettuati dall’assicurazione sanitaria sui trattamenti più costosi, secondo quanto riportano alcune organizzazioni come Eye Found. Ci si riferisce specificatamente alle iniezioni oculistiche per curare le persone affette da patologie alla retina, riporta ANP.

La “Diabetes Association Netherlands” e l’organizzazione KBO-PCOB avvisano che mettere in attesa i pazienti per effettuare un corretto ma costoso trattamento, mette a rischio la salute di centinaia di persone. A causa del fatto che le assicurazioni sanitarie vogliono limitare l’uso di queste costose iniezioni, diventerà impossibile per gli oculisti seguire le attuali linee guide per una cura, secondo le associazioni.

I gruppi d’interesse definiscono “irresponsabili” questi tagli ai finanziamenti. “I trattamenti meno costosi non funzionano per alcuni pazienti, il che significa che le medicine più costose sono l’unica cura effettiva”, ha detto Heleen Schoots dell’organizzazione dei pazienti MaculaVereniging, secondo alcune fonti.

In Olanda, ogni anno circa 235.000. iniezioni oculistiche sono somministrate a 50.000 persone con disturbi alla retina.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli