Due tra le quattro maggiori compagnie d’assicurazione hanno annunciato che dal prossimo anno non sarà più possibile per loro mantenere i premi dell’assistenza sanitaria uguali o aumentarli solo leggermente. I consumatori potrebbero essere costretti a fronteggiare un aumento vertiginoso delle polizze, dicono le compagnie CZ e Achmea, sentite da RTL Nieuws.

Nella sua relazione annuale pubblicata lunedì, CZ ha dichiarato che dovrà raddoppiare le polizze per compensare l’aumento del 3% di quest’anno. Secondo l’assicuratore, i costi per la salute continuano a salire e CZ è stata costretta a dare fondo, ripetutamente, alle sue riserve.

L’anno scorso la compagnia è andata in rosso per 140 milioni di euro. I premi dell’assicurazione sanitaria CZ per quest’anno sono già di 6 euro sotto costo, lamenta la società,  il che significa che l’assicuratore ha dovuto prelevare 259 milioni di euro dalle riserve.

Le compagnie olandesi devono, per legge, mantenere una riserva straordinaria per poter fronteggiare fluttuazioni nei costi delle prestazioni. Per poter mantenere questo fondo, ha avvertito CZ, non resterà che aumentare i premi.

Menzis, pur non anticipando le mosse per il prossimo anno, ha commentato ad RTL: “Abbiamo detto per anni che queste polizze sotto costo non sarebbero state sostenibili a lungo”. Le ragioni sarebbero da ritrovare nell’invecchiamento della popolazione e nel lievitare dei costi dei trattamenti