The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

RIGHTS

Assessore di Amsterdam: in molti lucrano sul Gay Pride. E se la prende con AH e il club Paradiso. La risposta: stupore

Halbert Heijn, Paradiso e Westernunie sorpresi per le accuse dirette rivolte nei loro confronti



L’assessore comunale di Amsterdam Jan-Bert Vroege (D66) ha accusato i business locali di trarre profitto a discapito del pride, suscitando, secondo il giornale, la reazione basita di attività quali Albert Heijn, il club Paradiso e la Westerunie.

Nella sua lettera, Vroege condanna apertamente queste attività, incolpandole di trarre ingenti profitti grazie all’incredibile massa di persone che visiteranno la città in questa settimana, attratte dall’appeal del Pride.

Il motivo di disapprovazione di Vroege è quindi rappresentato dal fatto che queste attività commerciali si arricchirebbero grazie al Pride senza contribuire in nessun modo alla sua causa.

Tuttavia un portavoce ricorda come sia Westernunie che Paradiso organizzano eventi dedicati alla comunità LGBT durante l’anno.

Bart Elshof, dell’ufficio di comunicazione di Westerunie, ha ricordato a Het Parool che l’attività sponsorizzerà la barca n.71, che nella Canal Parade di quest’anno sarà dedicata alla comunità LGBTQ iraniana, e altre cause simili.

Elshof ha aggiunto che ” Vroege non ha evidentemente fatto le giuste considerazioni, ma è il benvenuto a seguire i nostri eventi durante il Gay Pride e gli altri mesi dell’anno. Lo stesso Albert Heijn si dice sorpreso delle accuse di Vroege, infatti all’entrata di ogni supermercato della famosa catena olandese si possono apprezzare decorazioni dedicate al Gay Pride, come ghirlande o palloncini. La compagnia collegata Ahold donerà inoltre un euro all’ Amsterdam Gay Pride foundation per ogni caffè venduto.