The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

VLUCHTELINGEN

“Asilo-feccia”, “Asilo-peste”, “Asilo-piaga”: rivolta contro i titoli del Telegraaf. #StopXenofoobTelegraaf è trending topic

Campagna di boicottaggio contro il quotidiano conservatore di Amsterdam

Il Telegraaf, maggior quotidiano olandese, è nella bufera per alcuni titoli antirifugiati, apparsi sulla testata negli ultimi giorni.

Da “Asilo piaga” a “Asilo feccia”, passando per invasione e altri pesanti epiteti utilizzati nei titoli d’apertura del quotidiano di Amsterdam. Secondo l’NRC, la scelta non sarebbe stata condivisa da tutti i redattori e ha portato una levata di scudi su Twitter, dove utenti inferociti invitano a boicottare il giornale.

 

 

Su Twitter, lo scorso fine settimana, l’hashtag #StopXenofoobTelegraaf è stato trending topic.

Peter R. de Vries, un noto giornalista televisivo, ha lanciato l’attacco via Twitter, sottolineando che il quotidiano ha usato termini troppo forti contro i richiedenti asilo

In realtà, lo scivolone è stato pesante: anche i giornalisti si sarebbero rivoltati perchè in molti, non condividevano il titolo e il termine “peste”, considerato disumanizzante. Soprattutto “La piaga dei richiedenti asilo senza possibilità” ha destato maggiore indignazione.

Subito dopo è arrivata una chiamata agli inserzionisti:  boicottare il giornale.

Ma il giornale non è rimasto in silenzio, tentando una (goffa) difesa; in un editoriale di lunedi, il Telegraaf se la prende con il dibattito: “Il dibattito nei Paesi Bassi è spesso sui termini utilizzati per la questione richiedenti asilo e poco sulla sostanza”. Insomma -secondo il Telegraaf- per un giornale, non sarebbero importanti le parole.