NL

NL

Arresto avvocata Taghi, Ordine olandese degli avvocati critico: sistema poco garantista

Una situazione unica per tutti i soggetti coinvolti, è ciò che il decano dell’Ordine degli avvocati di Rotterdam, Peter Hanenberg, definisce l’arresto dell’avvocata Inez Weski, la ex legale del presunto boss della Mocro Maffia, Ridouan Taghi. Conversando con Nieuwsuur, parla, tra l’altro, della perquisizione della casa di Weski, alla quale era presente. “Drastico e travolgente per tutti i soggetti coinvolti”.

Il sequestro di documenti e penne USB, la perquisizione e l’isolamento sono stati messi in atto con ben poche garanzie per gli esterni all’accusa: secondo l’Ordine degli avvocati dei Paesi Bassi (NOvA), non è possibile garantire che il diritto di non divulgazione degli avvocati – il dovere di riservatezza – non venga violato. “Si discute molto sul fatto che il Pubblico Ministero stia facendo bene. Il giudice deve confidare che l’ufficiale di polizia non studierà tutti i tipi di altri documenti e non trasmetterà informazioni alla squadra investigativa. È un sistema vulnerabile.

All’inizio di questo mese, il tribunale ha stabilito che il Pubblico Ministero aveva violato ripetutamente e strutturalmente il privilegio legale che viene concesso all’accusa, in un caso di frode: secondo Hanenberg, sarebbe meglio che il giudice istruttore conducesse personalmente le indagini e garantisse così la riservatezza.

Weski è sospettata di aver trasmesso informazioni dal suo cliente Ridouan Taghi a un boss mafioso italiano, Raffaele Imperiale, e quindi di aver partecipato alla sua organizzazione criminale.  Hanenberg affronta anche il suggerimento che l’arresto di Weski fosse un piano premeditato per proteggerla dai complici di Taghi. Guardando il quadro generale del suo arresto, Hanenberg lo considera molto improbabile. «È stata disposta un’intera perquisizione, voluta da un pubblico ministero. Sono stati coinvolti due magistrati istruttori e un decano dell’Ordine. E poi anche il fermo: che è troppo, tutto insieme per una montatura.

In sua difesa, Weski potrebbe trovarsi in un dilemma: parlare in tribunale del suo contatto con il suo cliente potrebbe aiutare il suo caso, ma ciò significherebbe violare la riservatezza. Hanenberg: “Il segreto professionale è sacro, si potrebbe dire. Un avvocato può essere sollevato da questo in una certa misura, ma non deve danneggiare gli interessi del cliente. La maggior parte degli avvocati sceglierà di mantenere quel segreto fino alla fine. .”

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli