Altri due membri di un’organizzazione che difende il diritto alla morte sono stati arrestati durante un’indagine di polizia sul suicidio assistito, considerato illegale in Olanda.

La Procura olandese ha riportato la sentenza di una donna di 72 anni di Amerfoort e di un uomo di 78 anni di Den Bosch, collegati al caso contro un uomo di 28 anni accusato di aver assistito al suicidio, infrangendo la legge sui farmaci e sul riciclaggio di denaro.

Entrambe le persone arrestate questa settimana erano membri della Cooperatie Laatste Wil, che si batte per il diritto di “scelta”  riguardo il fine vita e afferma di avere circa 40.000 sostenitori. Il mese scorso, il presidente dell’organizzazione, Jos van Wijk, è stato arrestato e detenuto per un giorno, con l’accusa di coinvolgimento in un’organizzazione criminale il cui scopo è aiutare nei suicidi.

Tra gli arresti di questa settimana, la donna di 72 anni è sospettata di spacciare un medicinale che riduce il vomito e può essere fornito legalmente solo da medici e farmacie, e di azioni criminali che favoriscono il suicidio.

Si sospetta che la donna collabori con il 28enne Alex S, che è stato detenuto ad agosto con l’accusa di aver venduto polvere suicida a dozzine di persone, tra le quali almeno sei sono poi morte.

Anche l’uomo di 78 anni è sospettato di essere coinvolto nel contrabbando di sostanze proibite, ma il pubblico ministero ha affermato che “sono necessarie ulteriori indagini”.

 Dopo la sentenza di Alex S, la procura ha dichiarato che l’indagato ha venduto una polvere letale tra novembre 2018 e giugno di quest’anno e dunque, potrebbe aver avuto centinaia di “clienti”.

La polizia ha iniziato le indagini a maggio, in seguito alla morte di una donna a Best, ma le sue presunte attività criminali erano già state esposte per la prima volta dall’emittente locale Omroep Brabant nel 2018. RTL Nieuws ha riferito che l’uomo ha venduto la polvere online tramite il sito Marktplaats per la modica cifra di 20€ più spese di spedizione.

Sebbene l’eutanasia, sia legale nei Paesi Bassi in sei determinate circostanze, può essere eseguita solo da un medico. In tutti gli altri casi, l’assistenza al suicidio è illegale. Alex S comparirà davanti a un tribunale mercoledì prossimo.